Attacco hacker alla Regione Lazio. Il sistema delle prenotazioni bloccato

attacco-hacker

Gli hacker hanno attaccato il sistema di registrazione delle vaccinazioni in una delle più grandi regioni italiane, impedendo temporaneamente ai residenti di prenotare nuovi appuntamenti per la vaccinazione, hanno riferito i vertici della Regione Lazio.

Attacco hacker ed i residenti del Lazio, non potranno prenotare nuovi appuntamenti per diversi giorni, ha scritto lunedì su Facebook il presidente della regione, Nicola Zingaretti.

Bonifica su cellulari e smartphone alla ricerca di malware e software spiaCLICCA QUI

Sebbene l’identità e le motivazioni di chi ha effettuato l’attacco hacker non siano state immediatamente chiare, l’incidente sembrava essere un attacco hacker.

ha affermato Allan Liska, un analista che studia tali attacchi per la società di sicurezza informatica Recorded Future.

Nel suo post su Facebook, Zingaretti ha affermato che gli hacker hanno reso inaccessibili quasi tutti i file nel data center del sistema e che la rete sanitaria regionale ha spento i server per impedire che l’attacco si diffonda ulteriormente.

Questo è un segno rivelatore di un hacker ransomware, che crittografano i file di una rete di computer.

La speranza del pirata informatico è di poter estorcere un pagamento dai proprietari in cambio di una chiave che potrebbe renderli nuovamente utilizzabili.

“Questo è il linguaggio che in genere vediamo quando un attacco si rivela essere un attacco ransomware”, ha detto Liska.

“Questo deriva dalla revisione di centinaia di interviste a città e scuole colpite da ransomware. Anche quando i pirati informatici non usano il termine “ransomware”, menzionano quasi sempre che i file sono inaccessibili”, ha affermato.

Zingaretti ha definito l’attacco hacker criminale e terroristico.

L’attacco hacker è avvenuto durante il fine settimana.

Un momento comune per gli hacker opportunisti che sanno di avere meno probabilità di essere notati e ostacolati quando sul posto sono presenti meno dipendenti.

I residenti nel Lazio che avevano già prenotato gli appuntamenti per le vaccinazioni possono ancora recarsi da loro, ha scritto Zingaretti.

Related posts

Leave a Comment