Microspia UMTS e microfono occultato. La storia

microspia-umtsIl progresso dell’elettronica, specie della microelettronica, cominciato negli anni 70 con l’inizio delle missioni nello spazio e per motivi militari (basti ricordare i tempi della guerra fredda tra Usa e Urss), ha concesso, successivamente, anche un grande sviluppo delle tecnologie investigative e di spionaggio in ogni settore cruciale di tipo economico, politico, industriale, civile e privato. Il microfono, strumento classico di spionaggio, è divenuto sempre più piccolo, così da allargare le possibilità di essere nascosto in una microspia per spiare le conversazioni in un determinato ambiente. 

Fino a qualche anno fa, non ci si accontentava di intercettare i suoni e le voci con un microfono, ma occorreva anche registrare le conversazioni ed essere molto vicini al microfono per poterle sentire, mentre la tecnica GSM, più recente, consente di ascoltare a qualsiasi distanza. Il microfono risale ai tempi dell’invenzione del telefono di Bell, migliorato poi nel 1871 da Meucci, e da allora fino ad oggi è stato oggetto di grande sviluppo tecnologico. Basta pensare che le microspie di ultima generazione, per l’ascolto ambientale utilizzano un blocco di ricezione che funziona da microfono e poi uniscono il circuito di amplificazione e di trasmissione delle onde radio prodotte.

Il microfono non visibile è uno degli esempi classici di microspia che integra un microfono nascosto per esempio in una penna, in un accendino, in una presa elettrica, in un orologio da parete o altro, che non desse nell’occhio e che intercettasse i rumori o le voci. Non voglio addentrarmi troppo nell’aspetto tecnico, ma voglio farvi capire quanto l’evoluzione della tecnologia consentano oggi di spiare con le microspie le vite di chiunque, anche a loro insaputa, intercettando conversazioni e informazioni riservate in qualsiasi luogo e a qualsiasi distanza. Le microspie utilizzate per la ricerca di prove dall’Autorità Giudiziaria e dagli investigatori privati sono di manifattura altamente professionale e si contraddistinguono dalle microspie economiche per qualità audio, distanza e perchè munite anche di software e hardware di controllo che utilizza i più moderni sistemi di telecomunicazioni che, a iniziare dalla GSM comune, sono arrivati alla generazione di telefonia mobile UMTS (“Universal Mobile Telecommunications System”).

Microspie quindi avanti tutta, dal microfono nascosto alla microspia UMTS, sempre più moderne, che utilizzano la rete di telefonia mobile e di Internet. Con le microspie GSM di ultima produzione si possono eseguire intercettazioni ambientali impossibili fino a qualche tempo fa con le microspie di vecchia generazione o con microfono occultato in un oggetto collegato ad un registratore audio. Adesso i controlli si possono effettuare a distanze illimitate in tempo reale. Come si sono evolute le microspie, così anche le tecniche di controspionaggio si sono raffinate in parallelo per poter contrastare con strumenti adatti e rilevare la presenza di ogni tipo di microspia presente sul mercato. E’ fondamentale per una bonifica ambientale da microspie rivolgersi a delle aziende specializzate in materia.

Related posts

Leave a Comment