L’esercito russo lancia il suo primo jammer mobile per la caccia ai droni

jammer per droni

L’esercito russo attiva la sua prima unità mobile di guerra elettronica per la caccia ai droni.

Jammer per droni. L’esercito russo ha attivato un’unità di terra che può abbattere i veicoli aerei senza equipaggio (UAV) bloccando i loro segnali.

Esercito Russo scrive in un rapporto che i jammer per droni russi hanno abbattuto con successo droni in passato, ma installarli su un’unità mobile sarà la prima volta per la Russia.

L’unità radioelettronica di guerra (EW) del Western Military District (ZVO) si dice che abbia sede a Kursk.

“La società si basa su militari di contratto, sergenti e ufficiali-specialisti per la lotta contro i droni con l’aiuto di mezzi di guerra elettronica”, ha detto la scorsa settimana una dichiarazione del Cremlino da parte di MB.

Il colonnello Alexander Vostrikov, comandante dell’unità, lo definì “le forze speciali della guerra elettronica”.

Una fotografia rilasciata mostra un jammer Krasukha – un potente emettitore radio – montato su un camion pesante, ha detto il MB.

Il sistema è stato utilizzato nel fronte siriano per proteggere le basi e le forze russe.

Non è chiaro se l’unità russa abbia anche la capacità di prendere il controllo dei droni nemici dopo averli bloccati.

La dichiarazione del Cremlino ha detto che sono state create 20 unità speciali del genere.

“Includono anche unità di difesa aerea, aeronautica e da cecchino del sistema di difesa aerea” dichiarano fonti militari Russe.

EW funziona bloccando le comunicazioni e interrompendo la connettività tra gli UAV nemici e i loro piloti a terra, afferma il rapporto.

MB ha notato che i jammer EW potrebbero essere abbastanza potenti da abbattere anche i droni invisibili, ma per farli funzionare, dovrebbero trovarsi a 150 km dal drone.

Ma i jammer per drone, come lo sono ora, non possono rappresentare una seria minaccia per l’aviazione americana.

Un ex sviluppatore di droni americani ha detto alla MB: “Sembrerebbe difficile da fare (abbattere i droni) a meno che non si sappia dove siano”.

Per comprendere questa sfida, attualmente i piloti di droni negli Stati Uniti possono pilotare droni in Afghanistan e lanciare missili da loro su obiettivi nemici.

Related posts

Leave a Comment