Pentagono: l’Iran spia Israele dalla Siria


L’Iran spierebbe Israele attraverso basi dispiegate in tutto il Medio Oriente. Questo quanto denunciato dal rapporto redatto dall’ufficio antiterrorismo del Pentagono: Teheran avrebbe istallato basi per la propria intelligence con l’aiuto di Hezbollah e del regime siriano. In particolare, Israele sarebbe tenuto d’occhio dai territori del Golan siriano.

Secondo il rapporto, “Profilo del Ministero dell’Intelligence e della Sicurezza iraniano”, le basi iraniane sarebbero attive dal 2006 e sarebbero controllate dalla Guardia Rivoluzionaria, corpo militare d’élite della Repubblica Islamica. Non solo: Teheran avrebbe anche reclutato israeliani di origine iraniana per spiare le mosse del nemico. E in Libano avrebbe fornito a Hezbollah materiale logistico e tecnologico per ulteriori operazioni di intelligence.

Ma Washington non appare preoccupato: “La tecnologia per spiare utilizzata nelle due stazioni Signit indica che le capacità dell’Iran sono ancora limitate”. Inoltre, Teheran utilizzerebbe anche aerei di ricognizione per spiare Israele, ma le capacità tecnologiche dei velivoli sarebbe troppo ridotte per ottenere buone informazioni.

Fonte Globalist

Lascia un commento