Spionaggio. Berlino e l’azienda telefonica Verizon

La Germania sbarra le porte all’azienda telefonica americana Verizon e rende noto un rinnovo totale del parco macchine informatiche del governo per proteggersi dai programmi di spionaggio globale degli Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada, Australia e Nuova Zelanda. Dopo il clamore internazionale sullo spionaggio di massa, nel quale è rimasta coinvolta anche la cancelliera Angela Merkel, spiata per molti anni dalla National Security Agency, il governo tedesco pensa a ripararsi meglio da eventuali infiltrazioni da parte delle agenzie di spionaggio straniere, in particolare da quelle dei Five Eyes.

Continua a leggere