CHIUSURA FESTE NATALE dal 22 al 30 Dicembre - WhatsApp +39 333 95.30.864 - Leggi tutto
Utilizziamo i cookie per offrirvi la miglior esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare sul sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Per ottenere maggiori informazioni clicca qui.

Come configurare il nostro Localizzatore GPS

Come configurare il nostro Localizzatore GPS

Dopo aver acquistato un Localizzatore GPS dobbiamo prendere in considerazione un paio di cose, in modo che sia garantito un funzionamento corretto.

L'accensione: molti localizzatori GPS non hanno un tasto di accensione, ma si attivano direttamente non appena inserita la scheda SIM. Pensate di non dover fare altro una volta inserita la SIM? Vi sbagliate. Per prima cosa, il codice PIN della carta SIM deve essere disabilitato. Per fare ciò, inseriamo la scheda SIM in un normale telefono cellulare e poi nelle impostazioni di protezione disattiviamo la richiesta del codice PIN. Adesso è tutto pronto,dopo aver caricato completamente la batteria, il localizzatore GPS può essere attivato. Una nota importante: Le schede SIM nuove spesso devono essere attivate dal gestore prima di utilizzarle. Inoltre deve esserci sempre un credito sufficiente sul Localizzatore Gps in modo che questo possa inviare degli SMS o trasmettere la sua posizione via GPRS.

La durata della batteria

Promettono sempre lunghi tempi di autonomia di batteria, ma il nostro localizzatore Gps sembra non mantenerli. Teniamo presente che il nostro Localizzatore Gps si comporta in maniera simile ad un telefono cellulare. Più utilizziamo il nostro smartphone, più velocemente si scarica la batteria . Quindi se utilizziamo il nostro Localizzatore Gps in una situazione che richiede l'invio di svariati SMS ed invii della posizione via GPRS, la batteria si scarica più velocemente rispetto a quando lo posizioniamo nella nostra vecchia macchina d'epoca nel parcheggio, dove resta in modalità stand by in attesa che si sposti l'autovettura. I tempi di autonomia dipendono quindi sempre dall'utilizzo. In caso di utilizzo come antifurto di solito abbiamo dei tempi molto lunghi in quanto i localizzatori gps utilizzati per questo scopo sono dotati di sensori di movimento che consentono al nostro dispositivo di entrare in modalità standby con basso consumo energetico. Quando invece vogliamo controllare lo spostamento di un'autovetture con trasmissione della posizione ogni 20 secondi, avremo un alto consumo energetico ed è opportuno alimentare il localizzatore direttamente dall'autovettura,oppure utilizzando dei potenti pacchi batterie, o ricaricarlo frequentemente. I tempi di autonomia dipendono quindi dal tipo di utilizzo che ne facciamo.

La trasmissione dei dati a Internet

Uno degli ostacoli principali è quello di ottenere i dati in Internet. Abbiamo inserito la SIM card, il localizzatore GPS è in esecuzione, il monitoraggio tramite SMS funziona perfettamente. Entriamo nel portale web tramite il quale dovremmo effettuare il monitoraggio. Ma: non funziona nulla, viene visualizzato un luogo distante, che non ha nulla a che fare con il nostro localizzatore. Allora il nostro Tracker è difettoso? No! Dobbiamo sempicemente inviare al nostro Tracker mediante un SMS il giusto APN con i dati di accesso. Ogni telefono utilizza un APN per trasmettere i dati a Internet - negli smartphone di solito l'impostazione del APN avviene automaticamente,(il gestore invia i dati con un SMS al telefono cellulare). Ma al nostro Localizzatore GPS l'APN deve essere ancora notificato. Questi dati si trovano di solito sul sito web del gestore, fornitore della carta SIM - (TIM,Vodafone, Tre, Wind ecc.)

Abbiamo trovato ed inseriti i dati APN su Internet, tuttavia non funziona? Questa volta il Localizzatore GPS è veramente rotto, oppure? Bisogna sapere che i dati APN cambiano regolarmente e spesso i siti internet degli gestori non sono aggiornati in tempo reale. La migliore cosa è telefonare alla linea di assistenza del nostro gestore e farsi dare i dati giusti. Alcuni gestori offrono APN diversi per differenti tipi di APN per pennini di navigazione e per cellulari.In questo caso bisogna prendere quelli per i cellulari. Una volta impostato l'APN, durante il test facciamo in modo che il localizzatore GPS si trovi a "vista cielo", in modo da poter ricevere e trasmettere agevolmente i dati GPS. In alcuni Localizzatori gps bisogna, tramite menu, passare dalla modalità "SMS" alla modalità "GPRS", oppure l'invio dei dati GPRS deve essere attivato nel menu e dobbiamo regolare la frequenza d'invio.

Cos'è il Geo-Fence?

GeoFence significa "recinto geografico". Questa funzione, permette di impostare una zona al di fuori della quale il localizzatore gps non dovrebbe uscire, o al contrario si può stabilire una zona di rischio in cui il localizzatore satellitare non dovrebbe entrare. Nel caso in cui il Localizzatore GPS valicherà i limiti impostati, invierà un messaggio di allarme ai numeri impostati in memoria. Il Geo-Fence è utilissima per tenere sotto controllo i nostri bambini, le persone anziane, le persone affette da malattie che comportano la perdita della memoria, i nostri veicoli, o i nostri animali domestici. Per impostare questa funzione bisogna inserire le coordinate di longitudine e latitudine, (Google Maps fornisce un valido aiuto per trovare questi dati), per disegnare un rettangolo virtuale su una mappa. Altri localizzatori GPS permettono di impostare ad esempio un raggio limite di 500 metri attorno alla posizione attuale del Tracker, oltrepassata la quale scatta l'SMS di allarme. Esistono anche dei localizzatori GPS, che permettono di mostare diversi recinti geografici, "geo-fence".

Visualizzare la posizione del Localizzatore GPS via smartphone e telefono cellulare

Il modo più semplice è quello di monitorare il Localizzatore Gps tramite smartphone via SMS. Possiamo utilizzare quasi qualsiasi tipo di cellulare senza bisogno di applicazioni aggiuntive. Questa soluzione risulta veramente comoda soltanto quando il messaggio di testo con la posizione, che contiene un link di Google Maps, può essere aperto direttamente sullo smartphone. In questo modo possiamo vedere la posizione del Localizzatore GPS direttamente su Google Maps. Alcuni dispositivi di tracciamento GPS offrono anche applicazioni per iOS e Android, che consentono di visualizzare la posizione del Localizzatore GPS e che offrono la possibilità di configurare diversi tipi di parametri.

Pubblicato da testudo 29/05/2014

WhatsApp Assistenza Spiare