Che cos’è lo spionaggio industriale


spionaggio industriale

Lo spionaggio industriale è un’attività illegale.

Utilizzata per rubare in modo non autorizzato informazioni industriali, commerciali e segreti da altre ditte.

Spionaggio industriale nel Codice Penale

In Italia lo spionaggio industriale è un reato punito dagli articoli 621, 622 e 623 del Codice penale.


Art. 621 c.p. – Rivelazione del contenuto di documenti segreti

Chiunque, essendo venuto abusivamente a cognizione del contenuto, che debba rimanere segreto, di altrui atti o documenti, pubblici o privati, non costituenti corrispondenza, lo rivela, senza giusta causa.

Ovvero l’impiega a proprio o altrui profitto, è punito, se dal fatto deriva nocumento, con la reclusione fino a tre anni o con la multa da centotre euro a milletrentadue euro.

Agli effetti della disposizione di cui al primo comma è considerato documento anche qualunque supporto informatico contenente dati, informazioni o programmi.

Il delitto è punibile a querela della persona offesa.


Art. 622 c.p. – Rivelazione di segreto professionale

Chiunque, avendo notizia, per ragione del proprio stato o ufficio, o della propria professione o arte, di un segreto, lo rivela, senza giusta causa.

Ovvero lo impiega a proprio o altrui profitto, è punito, se dal fatto può derivare nocumento, con la reclusione fino a un anno o con la multa da trenta euro a cinquecentosedici euro.

La pena è aggravata se il fatto è commesso da amministratori, direttori generali, dirigenti preposti alla redazione dei documenti contabili societari, sindaci o liquidatori o se è commesso da chi svolge la revisione contabile della società.

Il delitto è punibile a querela della persona offesa.


Art. 623 c.p. – Rivelazione di segreti scientifici o industriali

Chiunque, venuto a cognizione per ragione del suo stato o ufficio, o della sua professione o arte, di notizie destinate a rimanere segrete, sopra scoperte o invenzioni scientifiche, o applicazioni industriali, le rivela o le impiega a proprio o altrui profitto, è punito con la reclusione fino a due anni.

Il delitto è punibile a querela della persona offesa.

Come si compie lo spionaggio industriale

Sempre di più lo spionaggio industriale si compie sottraendo dati informatici.

Generalmente chi spia un’azienda concorrente di solito effettua intercettazioni (telefoniche, telematiche e ambientali) e/o furto (di dati, di sistemi informatici e di altri oggetti).

I dati di maggiore interesse per chi vuole spiare il concorrente sono modelli, progetti, brevetti, software, liste clienti e fornitori, prezzi e sconti.

Per questa ragione è fondamentale effettuare un’analisi forense dei sistemi che possono essere stati usati per il furto delle informazioni.

Benchè, come detto, si tratta di un reato, molti non lo riconoscono come tale. In ragione del fatto che la documentazione segreta aziendale copiata è spesso stata realizzata da loro stessi nel periodo di lavoro.

In altri casi, pur essendo consci dell’illiceità dell’azione, il vantaggio ottenuto è talmente elevato che l’autore preferisce correre il rischio di affrontare le eventuali conseguenze civili e penali.


Quali sono i casi sentinella di uno spionaggio industriale?

I casi di uno spionaggio industriale sono:

  • Perdita di ordinativi
  • Licenziamenti di massa di dipendenti
  • Perdita significativa di clientela
  • Fuga di notizie


Come si contrasta lo spionaggio industriale?

Per impedire lo spionaggio industriale bisogna utilizzare il controspionaggio industriale.

Cioè attività di prevenzione come ad esempio la bonifica ambientale da microspie da programmare almeno una volta al mese, finalizzate a trovare ed eliminare possibili minacce di intercettazioni ambientali.

Le minacce possono coinvolgere:

  • vulnerabilità informatiche
  • cattivi comportamenti delle persone (social engineering)

Il controspionaggio industriale non richiede dunque solo competenze tecniche ma anche capacità di studio del comportamento individuale di una persona al fine di carpire informazioni utili.

Lascia un commento