In Paraguay da oggi il via al “Sistema nazionale d’intelligence” (Sin)

Nel Paraguay inizia il Sistema nazionale d’intelligence (Sin). La Camera dei deputati del paese sud americano ha acconsentito le modifiche inserite dal Senato sul Sin, trasformando in legge il provvedimento. Tutto il potere legislativo si è detto unito sulla necessità di avviare un meccanismo che unisca le informazioni e le attività che servono per la sicurezza della nazione. Il progetto è il risultato di un attività delle istituzioni e il nuovo sistema potrà avere a disposizione – sin dall’inizio – il sostegno dell’Inghilterra, Stati Uniti, Israele e Colombia. Il Servizio…

Continua a leggere

Il fallimento dell’intelligence sudcoreana e il ruolo dell’America in Corea del nord

Tutta la guerra si basa su un inganno, insegnava Sun Tzu nel VI secolo a. C. E poi “pretendi l’inferiorità del nemico e incoraggiane l’arroganza”, e ancora “induci il popolo a condividere le finalità dei governanti”. Basterebbe rileggere l’“Arte della guerra” dello stratega cinese per capire che le minacce nordcoreane di un imminente “armageddon nucleare” sono un bluff.  Kim Jong-un sta cercando di rafforzare la sua figura di leader giovane, goffo e inesperto sul popolo affamato dalla carestia, e allo stesso tempo cerca legami sempre più stretti con gli alleati…

Continua a leggere

Ecco la strategia dell’Intelligence italiana sulla cyber-security

Intelligence. La minaccia non è più solo alla sicurezza fisica, o ad uno Stato sovrano, ma al sistema Paese, all’integrità patrimoniale, industriale e ai sistemi produttivi. E’ questo lo scenario in cui deve muoversi l’Intelligence del mondo 2.0. I servizi segreti devono saper reagire a una minaccia che è diffusa e in mutazione costante, e guardarsi da azioni simili a quella di downgrading strutturale. “L’intelligence è l’unico strumento per prevenire attentati e per arrivare alla sicurezza generale”, ha spiegato l’ex ministro degli Esteri Franco Frattini, presidente della SIOI, la Società…

Continua a leggere

Servizi segreti adeguati alla nostra sicurezza

servizi segreti italiani

Il 24 Gennaio 2013 presso la Scuola Giuridica dell’Università di Camerino alle ore 15.00 si terrà il seminario “L’Intelligence tra miti e nuove realtà” tenuto dal Sottosegretario di Stato Giovanni De Gennaro. L’evento, coordinato dalla docente Catia Eliana Gentilucci e moderato dal giornalista Maurizio Piccirilli, metterà in rilievo come i Servizi Segreti  Italia si sono adeguati al cambiamento globale  della politica e dell’economia. Pertanto, alle rinnovate e più subdole minacce alla nostra sicurezza. Le attività più tradizionali dei Servizi Segreti Italia (spesso nell’immaginario collettivo confuse con le azioni dei mitici James…

Continua a leggere

“Fretta e poca intelligence Un blitz destinato al flop”

«Hanno pensato al petrolio, non a salvare i sequestrati». Davanti alla strage di ostaggi nel deserto del Sahara, Michael Scheuer, parla di errori dell’esercito algerino. L’ex ex capo dell’unità della Cia che diede la caccia a Osama bin Laden parla di errori «causati dall’eccesso di velocità dovuta alla fretta». Perché «per l’Algeria contava più eliminare subito ogni minaccia nei confronti dell’industria energetica che non salvare le vite di ostaggi occidentali».  

Continua a leggere

Pentagono: l’Iran spia Israele dalla Siria

L’Iran spierebbe Israele attraverso basi dispiegate in tutto il Medio Oriente. Questo quanto denunciato dal rapporto redatto dall’ufficio antiterrorismo del Pentagono: Teheran avrebbe istallato basi per la propria intelligence con l’aiuto di Hezbollah e del regime siriano. In particolare, Israele sarebbe tenuto d’occhio dai territori del Golan siriano. Secondo il rapporto, “Profilo del Ministero dell’Intelligence e della Sicurezza iraniano”, le basi iraniane sarebbero attive dal 2006 e sarebbero controllate dalla Guardia Rivoluzionaria, corpo militare d’élite della Repubblica Islamica. Non solo: Teheran avrebbe anche reclutato israeliani di origine iraniana per spiare…

Continua a leggere

Così la Casa Bianca militarizza l’intelligence

Con la designazione di John Brennan a direttore della Cia il presidente americano Barack Obama dimostra la volontà di affidare all’Intelligence la guida delle operazioni militari contro i gruppi terroristi che minacciano l’America. I 25 anni di servizio a Langley descrivono l’idea di intelligence che Brennan rappresenta. Agente operativo per vocazione e arabista per passione, a metà degli Anni Novanta è capo stazione nell’Arabia Saudita quando nel 1996 un attacco kamikaze uccide 19 soldati americani alle Khobar Tower facendogli maturare la convinzione che gli 007 devono prevenire il nemico, aggredendolo.

Continua a leggere

Drone, come funzionano e cosa diventeranno

La CIA ha aperto l’anno con una raffica di droni sul Pakistan, martellando gli obiettivi talebani su tutto il paese. Drone. L’attacco nel nord del Waziristan di ieri è stato il settimo in dieci giorni, facendo crescere il numero di attacchi di droni nel paese. Gli attuali funzionari dell’Intelligence USA hanno attribuito l’aumento del numero di assalti all’urgenza dell’amministrazione Obama di riportare a casa circa 6 mila truppe entro il 2014. Gli attacchi degli ultimi giorni sono stati visti come un modo per indebolire gli avversari prima del ritiro e…

Continua a leggere

I servizi segreti lanciano l’allarme: “La Cina si sta ‘comprando’ l’Italia”.

«La Cina si sta appropriando dei settori industriali più strategici, approfittando di questo grave momento di crisi, e ora che la conferma ci arriva addirittura dall’intelligence italiana dobbiamo agire per non permettere ai cinesi di “comprarsi” il nostro Paese, lasciando a noi soltanto le briciole». È Questa la reazione dell’europarlamentare toscano Claudio Morganti (ELD) all’allarme lanciato dai servizi segreti italiani che in un’inchiesta, di cui si è data oggi notizia sulla stampa, hanno rilevato il crescente aumento di acquisizioni, da parte di imprese cinesi, di attività strategiche per l’Italia, “target…

Continua a leggere

Una legge per spiarci tutti

spiarci tutti

Quella degli Usa, che permetterà anche di ascoltare le conversazioni europee Spiarci tutti. Attraverso l’estensione del FISA Act (Foreign Intelligence Surveillance), le conversazioni americane con l’Estero saranno legalmente intercettate. Ecco qual è la sorte che spetta all’Europa. IL CASO – Slate avverte i cittadini europei: “State attenti perché il governo americano si è preso la libertà di spiarci tutti”. La lotta al terrorismo fa da sfondo alla necessità americana di intercettare le conversazioni UE. Sarà una “sorveglianza puramente politica”. Spierà i servizi forniti da Google, Microsoft e Facebook. Non bastava…

Continua a leggere