Spy phone app per spiare gli smartphone dei cittadini cinesi

spy phone app

Spy phone app. Nuove ricerche mostrano che la polizia cinese sta installando software per spiare cellulare e di raccolta dati intrusivi sugli smartphone dei normali cittadini durante le normali interazioni di sicurezza con le persone anche quando non sono sospettati di alcun crimine.

La mossa suggerisce che la polizia cinese sta usando tecniche di sorveglianza altamente invasive, simili a quelle impiegate nella regione occidentale del Xinjiang, nel resto della Cina.

Il software spy phone app, un’applicazione per smartphone chiamata MFSocket, consente di accedere a file di immagini e audio, dati sulla posizione, registri delle chiamate, messaggi e calendario e contatti del telefono, inclusi quelli utilizzati nell’app di messaggistica Telegram, ha affermato il ricercatore francese di sicurezza Baptiste Robert. 

L’applicazione MFSocket viene installata sul telefono collegandola a un computer con il software necessario.

L’applicazione quindi apre una porta che consente di estrarre i dati del dispositivo, ha affermato. 

La mossa sottolinea come la Cina stia intensificando gli investimenti nel suo cosiddetto “stato di sorveglianza” mentre il partito comunista sotto il presidente Xi Jinping stringe la presa sul dissenso.

Per quasi un decennio, la Cina ha speso di più per la sicurezza interna che per il suo già considerevole budget per la difesa, riversando risorse in una vasta rete di telecamere spia e applicazioni come i spy phone per spiare cellulare che usano l’intelligenza artificiale e il cloud computing per identificare e tracciare 1,34 miliardi di persone in Cina.

Gli utenti cinesi di Internet si sono lamentati online della polizia che installa l’applicazione MFSocket sui loro smartphone – spesso durante interazioni quotidiane come passare attraverso i controlli di sicurezza della metropolitana – in una serie di incidenti recentemente documentati da Xiao Muyi, un editore della rivista online ChinaFile. 

Molti degli account riguardano persone che hanno i loro telefoni scannerizzati quando vanno alla polizia per registrarsi dopo essersi trasferiti in una nuova città – un requisito in alcuni luoghi della Cina.

Altri controlli si verificano quando fanno domanda per una nuova carta d’identità, vengono fermati alle barriere di sicurezza o sono coinvolti in altre delle molte interazioni con la polizia che sono considerate di routine in Cina.

A gennaio, un utente di Internet ha dichiarato sul famoso sito Web di recensioni Douban.com che la polizia aveva installato spy phone app sul telefono dell’utente, secondo il registro dello smartphone del dispositivo.

Ciò si è verificato quando l’utente è stato temporaneamente trattenuto dalle autorità locali per la condivisione di un articolo di notizie da un punto vendita bloccato nella Cina continentale. 

Edward Schwarck, un dottorando che studia la sicurezza pubblica cinese all’Università di Oxford, ha affermato che l’uso dell’app MFSocket ha dimostrato che la polizia stava tentando di passare alla polizia “basata sull’intelligence e spionaggio” – indagini progettate per anticipare gli atti illegali prima che accadessero.

“Il risultato finale è che lo stato di sicurezza sta diventando molto più resistente. Non stanno più solo rispondendo alle minacce, ma le stanno prevenendo “, ha affermato Schwarck.

La tattica è simile ai metodi di sorveglianza usati dalla Cina nello Xinjiang, dove circa 1,5 milioni di musulmani sono detenuti nei campi di internamento, hanno detto gli analisti. 

In una ricerca separata pubblicata questa settimana, la società di sicurezza informatica con sede a Berlino Cure53, in collaborazione con Motherboard, Süddeutsche Zeitung, Guardian, New York Times e l’emittente tedesca NDR, ha scoperto che la polizia cinese stava anche installando software invasivi di estrazione dei dati sui telefoni al confine tra Xinjiang e Asia centrale.

Il software spia è installato sugli smartphone di turisti e commercianti stranieri che attraversano il confine e raccoglie dati come registri delle chiamate, messaggi di testo e contatti, che carica su un server di polizia locale, ha scoperto Cure53.

L’app, chiamata Fengcai o BXAQ, controlla anche i file sui telefoni con un elenco di oltre 70.000 file “vietati” e “sembra essere usato di nascosto – installato, utilizzato e disinstallato in una singola sessione”, ha detto.

Il ricercatore per la sicurezza Robert ha affermato che l’applicazione MFSocket è stata quasi certamente sviluppata dalla società cinese di medicina legale Meiya Pico , sulla base dei certificati allegati al software. 

Related posts

Leave a Comment