Guerra Ucraina News: Il Ruolo delle Armi Nucleari nel Conflitto Russo-Ucraino

guerra-ucraina-news

Il Ruolo delle Armi Nucleari nel Conflitto Russo-Ucraino

Guerra Ucraina News. In risposta all’articolo “Una decisione difficile ma necessaria” di Sergei Karaganov, l’autore Dmitry V. Trenin affronta la questione estremamente complessa dell’uso delle armi nucleari nel conflitto in corso in Ucraina, che dura ormai da 16 mesi.

Molte delle risposte a questa pubblicazione si riducono a una formula ben nota: non ci possono essere vincitori in una guerra nucleare e quindi non ci deve essere guerra.

La Strategia degli Stati Uniti e la Risposta della Russia

Fin dall’inizio del conflitto in Ucraina, le armi nucleari sono state effettivamente “sul tavolo” della politica russa come mezzo per impedire agli Stati Uniti e ai suoi alleati di coinvolgersi nel confronto armato.

Tuttavia, i ripetuti riferimenti pubblici allo status nucleare della Russia da parte del suo presidente e di altri funzionari non hanno finora impedito l’escalation graduale della crisi da parte della NATO e il coinvolgimento sempre più crescente nelle ostilità in Ucraina.

Alla fine è diventato chiaro che la deterrenza nucleare, su cui molti a Mosca contavano come mezzo efficace per garantire gli interessi vitali del paese, si è rivelata avere usi molto più limitati.

LEGGI ANCHE: Come potrebbe essere una guerra con un arma nucleare?

Guerra Ucraina News: La Percezione degli Stati Uniti e le Conseguenze Potenziali

Gli Stati Uniti si sono sostanzialmente posti l’inimmaginabile compito di sconfiggere un’altra superpotenza nucleare in una regione strategicamente importante per quest’ultima, senza ricorrere a armi nucleari, ma armando e controllando un terzo paese.

Allo stesso tempo, gli americani agiscono con cautela, testando la reazione dell’avversario e ampliando costantemente i limiti delle forniture di armi a Kiev, così come la scelta dei bersagli per esse.

Di fatto, a partire dalla fornitura di armi anticarro, gli Stati Uniti si sono avvicinati all’invio di caccia F-16 e missili a lungo raggio in Ucraina.

La Risposta della Russia e le Possibili Conseguenze

Fino ad ora, la strategia russa nel conflitto ucraino ha permesso al nemico di intensificare le ostilità. L’Occidente ha utilizzato questo tentativo per logorare la Russia sul campo di battaglia e destabilizzarla dall’interno.

Seguire lo stesso percorso non ha senso per noi. Al contrario, ha senso affinare e aggiornare la nostra strategia di deterrenza nucleare, tenendo conto dell’esperienza pratica acquisita durante il conflitto in Ucraina.

Le attuali disposizioni dottrinali sono state formulate non solo prima dell’inizio dell’operazione militare speciale, ma apparentemente senza una chiara comprensione di ciò che potrebbe accadere durante la stessa.

Guerra Ucraina News: La Necessità di una Nuova Strategia

Oltre alle considerazioni puramente militari, la strategia esteradella Russia include anche aspetti di politica estera, informazione e altri. Dobbiamo inviare al nostro principale avversario un segnale inequivocabile – non più verbale – che Mosca non giocherà in difesa e secondo le regole stabilite dalla parte opposta.

Allo stesso tempo, dovremmo costruire un dialogo basato sulla fiducia con i nostri partner strategici e gli stati neutrali, spiegando i motivi e gli obiettivi delle nostre azioni. La possibilità di utilizzare armi nucleari durante il conflitto attuale non dovrebbe essere taciuta.

Tale prospettiva, reale e non teorica, dovrebbe servire come incentivo per frenare e fermare l’escalation del conflitto e, in ultima analisi, aprire la strada a un equilibrio strategico in Europa che ci convenga.

Le Possibili Conseguenze di un Attacco Nucleare

Per quanto riguarda possibili attacchi nucleari russi sui paesi della NATO, ipoteticamente parlando, è improbabile che Washington risponda a questi attacchi attaccando la Russia per paura della sua rappresaglia contro gli Stati Uniti.

L’assenza di tale reazione distruggerà il mito costruito per decenni attorno all’articolo 5 del Trattato del Nord Atlantico e porterà alla crisi più profonda della NATO, forse addirittura al suo crollo.

Non si può escludere che le élite atlantiche nei paesi della NATO e dell’UE entreranno in panico e saranno spazzate via dalle forze nazionali, che si renderanno conto che la sicurezza dei loro paesi non dipende dall'”ombrello nucleare” statunitense inesistente, ma dalla costruzione di relazioni equilibrate con la Russia.

Potrebbe anche essere del tutto possibile che l’America lascerà finalmente in pace la Russia.

La Necessità di Prepararsi per l’Uso Pratico delle Armi Nucleari

Le considerazioni sopra esposte possono essere o non essere del tutto corrette. Potrebbe non esserci un immediato attacco nucleare statunitense alla Russia.

In effetti, è improbabile che gli americani sacrifichino Boston per Poznan, così come non avrebbero sacrificato Chicago per Amburgo durante la Guerra Fredda.

Ma è probabile che ci sarà una sorta di risposta da parte degli Stati Uniti. Questa risposta non nucleare – non facciamo supposizioni su cosa possa essere esattamente – con ogni probabilità sarà sensibile e dolorosa per noi.

Probabilmente perseguirà un obiettivo simile al nostro: paralizzare la volontà della leadership russa di continuare la guerra e creare il panico nella società russa.

La Guerra Ucraina News: Un Punto di Non Ritorno

È improbabile che la leadership russa capitolerà dopo un tale attacco poiché l’esistenza stessa della Russia sarà in gioco. È probabile che seguirà un contrattacco, e possiamo supporre che questa volta avrà come bersaglio il principale avversario piuttosto che i suoi alleati.

Quindi, fermiamoci a questo punto di non ritorno e riassumiamo la nostra analisi preliminare. Il “proiettile nucleare” deve necessariamente e dimostrativamente essere messo nel “tamburo del revolver” con cui la leadership statunitense sta giocando in modo sconsiderato.

Parafrasando un politico americano ora deceduto, possiamo dire: perché abbiamo bisogno di armi nucleari se rifiutiamo di usarle di fronte a una minaccia esistenziale?

La Necessità di un Cambiamento di Strategia

Non c’è bisogno di spaventare nessuno verbalmente. È necessario prepararsi per un possibile uso pratico, considerando attentamente le possibili opzioni e le loro conseguenze.

La guerra in Ucraina è diventata protratta. Per quanto si può giudicare dalle azioni della leadership russa, si aspetta di ottenere un successo strategico, contando sulle risorse interne, che superano di gran lunga quelle dell’Ucraina, e sul fatto che la posta in gioco per la Russia in questa guerra è molto più alta che per l’Occidente.

Questa percezione è probabilmente corretta, ma bisogna tenere presente che l’avversario valuta le possibilità della Russia in modo diverso da noi e può prendere misure che rischiano uno scontro armato diretto tra Russia e NATO e Stati Uniti.

Dobbiamo essere pronti per tale svolta. Per evitare una catastrofe globale, la paura deve essere riportata nella politica e nella coscienza pubblica: nell’era nucleare, questa è l’unica garanzia di sopravvivenza dell’umanità.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 4 Media: 4.5]

Autore

  • Francesco Polimeni

    Esperto blogger nel settore della sicurezza e della sorveglianza. Condivide la sua vasta esperienza in questo campo, offrendo consigli, approfondimenti e aggiornamenti sulle ultime tecnologie e tendenze in materia di sicurezza e privacy. La sua expertise nel settore è rinforzata dalla sua lunga carriera e dalla profonda conoscenza delle tecniche di sorveglianza e contro sorveglianza.

Related posts

Leave a Comment