Indicazioni di compromissione: Come rilevare e rispondere alle minacce informatiche

indicazioni-di-compromissione-come-rilevare-e-rispondere-alle-minacce-informatiche

Cos’è un indicatore di compromissione?

Gli indicatori di compromissione (IOC) sono frammenti di dati forensi, come quelli trovati nelle voci di registro di sistema o nei file, che identificano un’attività potenzialmente dannosa su un sistema o una rete.

 

Questi indicatori aiutano i professionisti della sicurezza informatica e dell’IT a rilevare violazioni dei dati, infezioni da malware o altre attività minacciose.

Monitorando gli indicatori di compromissione, le organizzazioni possono rilevare gli attacchi e agire rapidamente per prevenire le violazioni o limitare i danni interrompendo gli attacchi nelle fasi iniziali.

 

Indicatori di compromissione vs Indicatori di attacco

Gli indicatori di attacco sono simili agli IOC, ma invece di concentrarsi sull’analisi forense di un compromesso già avvenuto, gli indicatori di attacco si concentrano sull’identificazione dell’attività dell’attaccante mentre un attacco è in corso.

Gli indicatori di compromissione aiutano a rispondere alla domanda “Cosa è successo?”, mentre gli indicatori di attacco possono aiutare a rispondere a domande come “Cosa sta succedendo e perché?”

Un approccio proattivo alla rilevazione utilizza sia IOA che IOC per scoprire incidenti di sicurezza o minacce nel più breve tempo possibile.

Esempi di indicatori di compromissione

Esistono diversi indicatori di compromissione che le organizzazioni dovrebbero monitorare.

Alcuni di questi includono traffico di rete in uscita insolito:

  • Traffico di rete in uscita insolito
  • Anomalie nell’attività dell’account utente con privilegi
  • Irregolarità geografiche
  • Accedi Bandiere rosse
  • Aumento del volume di lettura del database
  • Dimensioni della risposta HTML
  • Numero elevato di richieste per lo stesso file
  • Traffico porta-applicazione non corrispondente
  • Modifiche sospette al registro o ai file di sistema
  • Richieste DNS insolite
  • Patching imprevisto dei sistemi
  • Modifiche al profilo del dispositivo mobile
  • Fasci di dati nel posto sbagliato
  • Traffico Web con comportamento disumano
  • Segni di attività DDoS

Utilizzo degli indicatori di compromissione per migliorare la rilevazione e la risposta

Monitorare gli indicatori di compromissione consente alle organizzazioni di rilevare e rispondere meglio ai compromessi di sicurezza.

La raccolta e la correlazione degli IOC in tempo reale significa che le organizzazioni possono identificare più rapidamente gli incidenti di sicurezza che potrebbero essere passati inosservati da altri strumenti e fornisce le risorse necessarie per eseguire un’analisi forense degli incidenti.

Se i team di sicurezza scoprono la ricorrenza o i modelli di specifici IOC, possono aggiornare i loro strumenti e politiche di sicurezza per proteggersi contro futuri attacchi.

Conclusione

Gli indicatori di compromissione sono un componente importante nella lotta contro il malware e gli attacchi informatici. Sebbene siano di natura reattiva, le organizzazioni che monitorano diligentemente gli IOC e si mantengono aggiornate sulle ultime scoperte e segnalazioni di IOC possono migliorare significativamente i tassi di rilevazione e i tempi di risposta.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 2 Media: 4]

Autore

  • Francesco Polimeni

    Esperto blogger nel settore della sicurezza e della sorveglianza. Condivide la sua vasta esperienza in questo campo, offrendo consigli, approfondimenti e aggiornamenti sulle ultime tecnologie e tendenze in materia di sicurezza e privacy. La sua expertise nel settore è rinforzata dalla sua lunga carriera e dalla profonda conoscenza delle tecniche di sorveglianza e contro sorveglianza.

    Visualizza tutti gli articoli

Related posts

Leave a Comment