MICROSPIE AUDIO

Armi nucleari. Quanto è probabile l’uso da parte della Russia?

armi nucleari

Qual è la minaccia di usare armi nucleari da parte di Putin?

Il 21 febbraio, nell’ambito del suo discorso televisivo che annunciava l’invasione russa dell’Ucraina, il presidente Vladimir Putin ha emesso quella che è stata interpretata come una minaccia per l’uso di armi nucleari contro i paesi della NATO se dovessero interferire in Ucraina.

La Russia risponderà immediatamente’, ha detto, ‘e le conseguenze saranno come non hai mai visto in tutta la tua storia’.

Poi, il 27 febbraio, Putin ha ordinato alla Russia di spostare le forze nucleari in una “modalità speciale di servizio di combattimento”, che ha un significato significativo in termini di protocolli per lanciare armi nucleari dalla Russia.

Secondo gli esperti russi di armi nucleari, il sistema di comando e controllo della Russia non può trasmettere ordini di lancio in tempo di pace, quindi aumentare lo status di “combattimento” consente a un ordine di lancio di passare e di essere messo in atto.

Putin ha descritto questo come una risposta difensiva all’imposizione di sanzioni economiche, ma al di fuori della Russia è visto come un percorso per la Russia per utilizzare le sue armi nucleari in un attacco a sorpresa di primo colpo.

Questa è una situazione altamente pericolosa in cui messaggi misti con il potenziale di interpretazioni errate potrebbero portare a decisioni prese in base a false ipotesi: esiste una storia ben documentata di richiami ravvicinati con armi nucleari .

La deterrenza contro le armi nucleari è stata sviluppata durante la Guerra Fredda principalmente sulla base di quella che è stata chiamata “distruzione mutua assicurata” (MAD).

L’idea alla base di MAD è che l’orrore e la distruzione delle armi nucleari sono sufficienti per scoraggiare l’azione aggressiva e la guerra.

Ma l’applicazione della teoria della deterrenza alle realtà del dopoguerra fredda è molto contestata e molto più complicata nell’era degli attacchi informatici che possono interferire con il comando e il controllo delle armi nucleari.

Quali paesi hanno armi nucleari?

Ci sono cinque stati con armi nucleari riconosciuti ai sensi del Trattato di non proliferazione nucleare (NPT) globale: Cina, Francia, Russia, Regno Unito e Stati Uniti.

Quasi tutti i paesi del mondo partecipano al TNP, ma al di fuori del Trattato altri tre paesi dichiarano apertamente il loro possesso di armi nucleari – India, Pakistan e Corea del Nord – mentre Israele non ha dichiarato il possesso di armi nucleari ma si presume che le abbia.

Le armi nucleari possono essere suddivise in diverse categorie a seconda dei loro veicoli di consegna e piattaforme di lancio: missili terrestri, marittimi o aerei e missili a corto, intermedio e lungo raggio.

Gli Stati Uniti e la Russia si scambiano informazioni sui loro missili nucleari strategici a lungo raggio nell’ambito dell’accordo New START, un trattato per ridurre e monitorare le armi nucleari tra i due paesi.

Ma con la decisione degli Stati Uniti di uscire dal Trattato sulle forze nucleari intermedie (INF) nel 2019, non ci sono più accordi tra Stati Uniti e Russia che regolano il numero o il dispiegamento di missili nucleari lanciati a terra con una gittata di 500-5.500 chilometri.

Le armi nucleari a corto raggio furono ritirate e messe in deposito a seguito del nucleare presidenziale del 1991Iniziativema non sono soggetti ad alcun vincolo legale.

La Russia userebbe armi nucleari?

Si presumeva che se la Russia avesse usato armi nucleari lo avrebbe fatto nel suo attacco all’Ucraina, non per attaccare uno stato della NATO che potrebbe far scattare l’ articolo 5 del WashingtonTrattatoe ha dato il via a una risposta NATO completa.

In un simile attacco, le armi nucleari da “campo di battaglia” a corto raggio e di rendimento inferiore – di cui si pensa ci siano più di 1.000 in riserva – sarebbero le più probabilmente utilizzate.

Questi dovrebbero essere prelevati da un deposito e collegati a missili, o collocati nei bombardieri o come proiettili nell’artiglieria.

Putin ha recentemente supervisionato un esercizio concentrandosi sulla prontezza del comando e controllo militare, degli equipaggi da combattimento, delle navi da guerra e dei vettori missilistici strategici, nonché sull’affidabilità delle armi nucleari e non nucleari strategiche.

L’esercitazione ha coinvolto le forze aerospaziali russe, il distretto militare meridionale, le forze missilistiche strategiche, la flotta settentrionale e la flotta del Mar Nero.

Qualsiasi movimento per preparare e schierare armi nucleari russe sarebbe visto e monitorato dai satelliti statunitensi e di altri, che possono vedere attraverso la copertura nuvolosa e di notte.

A seconda di altre informazioni e analisi – e del fallimento di tutti i tentativi diplomatici di dissuadere la Russia – i paesi della NATO potrebbero decidere di intervenire per impedire il lancio bombardando in anticipo i siti di stoccaggio e i siti di dispiegamento di missili.

Ma ci sono enormi rischi associati a questa decisione, poiché attaccare potrebbe precipitare un attacco molto peggiore dalla Russia e potrebbe essere caratterizzato come un atto di aggressione da parte della NATO piuttosto che di difesa preventiva.

Tuttavia, non anticipare lascia l’Ucraina o altri paesi aperti alle esplosioni di armi nucleari con la possibilità di centinaia di migliaia di morti, a seconda dell’obiettivo.

Come risponderebbe la NATO a un attacco nucleare russo?

Se la Russia dovesse attaccare l’Ucraina con armi nucleari, molto probabilmente i paesi della NATO risponderebbero sulla base del fatto che l’impatto delle armi nucleari attraversa i confini e colpisce i paesi che circondano l’Ucraina.

La NATO potrebbe rispondere utilizzando le forze convenzionali sulle risorse strategiche russe, o rispondere in natura usando armi nucleari poiché ha diverse opzioni disponibili.

Gli Stati Uniti hanno circa 150 bombe a gravità nucleare B-61 di stanza in cinque paesi della NATO – Belgio, Germania, Paesi Bassi, Italia e Turchia – e anche Stati Uniti, Regno Unito e Francia hanno capacità a lungo raggio per attacchi nucleari sotto gli auspici della NATO.

Ma entrambi gli scenari significano che la NATO viene coinvolta in una grande guerra con la Russia e quindi il vantaggio di decidere di trattenere una rappresaglia nucleare – e di comunicare questa risposta ora – è che Putin non può ritrarre la NATO come una minaccia alla Russia con armi nucleari.

È sempre possibile – anche se ritenuto altamente improbabile – che Putin decida di lanciare un attacco missilistico a lungo raggio contro gli Stati Uniti, ma sa – come tutti i suoi funzionari – che questa sarebbe la fine della Russia.

L’Ucraina ha armi nucleari?

Come parte dell’URSS, l’Ucraina ha ospitato missili nucleari sovietici insieme a Bielorussia e Kazakistan e, alla fine della Guerra Fredda, l’Ucraina ha ospitato circa un terzo delle armi nucleari dell’Unione Sovietica ma non ne aveva il controllo e quindi non avrebbe potuto li ha lanciati.

Nel 1994, l’Ucraina si è impegnata ad aderire al TNP come stato non dotato di armi nucleari e ha accettato di trasferire tutte le testate nucleari alla Russia per l’eliminazione entro il 1996.

Come parte di questo accordo, Russia, Regno Unito e Stati Uniti insieme a Ucraina, Bielorussia, e il Kazakistan hanno firmato il BudapestMemorandumper fornire garanzie di sicurezza se gli ex stati sovietici si fossero uniti al TNP come stati non dotati di armi nucleari.

Il memorandum concordava che l’indipendenza e la sovranità bielorussa, kazaka e ucraina sarebbero state rispettate nei confini esistenti, che le parti si sarebbero astenute dalla minaccia o dall’uso della forza – e in particolare dall’uso di armi nucleari – contro Bielorussia, Kazakistan e Ucraina e dall’usare la pressione economica per influenzare la loro politica.

Hanno inoltre concordato un’azione immediata del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (ONU) per aiutare la Bielorussia, il Kazakistan e l’Ucraina se fossero “vittima di un atto di aggressione o oggetto di una minaccia di aggressione in cui vengono utilizzate armi nucleari”.

Il 27 febbraio, in un referendum nazionale organizzato in fasi sulle riforme costituzionali, la Bielorussia ha votato per consentire l’accoglienza permanente delle forze e delle armi nucleari russe e delle forze russe, contrariamente ai termini del memorandum di Budapest.

La Bielorussia ha anche consentito alle truppe russe di utilizzare il territorio bielorusso per invadere l’Ucraina da nord.

Che ruolo gioca il nucleare in ogni minaccia?

Avere centrali nucleari civili e sviluppare armi nucleari sono categorie distinte e il terzo pilastro del TNP promuove l’uso pacifico dell’energia nucleare.

Sebbene alcuni paesi considerino la produzione di energia nucleare civile un rischio di proliferazione, esistono molte misure per verificare lo status di un paese come le salvaguardie dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica e i regimi di verifica e controllo delle esportazioni.

In totale, ci sono 15 reattori nucleari sparsi in tutta l’Ucraina e il paese dipende dall’energia nucleare per metà del suo fabbisogno di elettricità: la sua produzione di energia è composta da carbone nucleare (54%) (29%), gas naturale (8% ), idroelettrico (cinque per cento), solare (due per cento) ed eolico (uno per cento).

Ma il programma di energia nucleare civile dell’Ucraina dipende dal combustibile nucleare russo poiché tutti i 15 reattori sono del tipo russo VVER e alcuni sono stati persino aggiornati a modelli più recenti.

Tuttavia, negli ultimi anni l’Ucraina ha iniziato a sviluppare la cooperazione energetica anche con l’Unione Europea (UE).

Nel 1986, la centrale nucleare di Chernobyl in Ucraina ha preso fuoco e ne è seguita una grave emergenza radioattiva che ha causato enormi danni per molti anni.

Il sito non funziona più come impianto di produzione di energia, il luogo dell’incendio è stato messo in sicurezza e l’UE ha sviluppato un impianto di stoccaggio con l’Ucraina a Chernobyl.

Ma l’esercito russo ha preso il controllo del sito di Chernobyl come parte dell’invasione, anche se non è chiaro il motivo: forse la due diligence e la prevenzione dei furti, o per spaventare le persone che potrebbero pensare che ci sia ancora una minaccia da Chernobyl.

Sebbene un attacco missilistico a una centrale nucleare possa provocare un grave incidente radioattivo, non è pericoloso come l’esplosione di un’arma nucleare.

Avrebbe impatti molto più gravi in ​​termini di forza esplosiva, incendi, radiazioni e ricadute radioattive.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 2 Media: 5]

Related posts

Leave a Comment