Telecamere e microspie scoprono i maltrattamenti contro anziano, badante espulsa da casa

telecamere e microspie

Telecamere e microspie contro le violenze fisiche e mentali dirette all’anziano parente invalido che avrebbe dovuto assistere.

È quanto hanno scoperto le forze dell’ordine che tramite le telecamere e microspie installate hanno registrato diversi casi di violenza perpretati da una donna nei confronti dell’anziano: colpi scagliati con scope, mattarello, bottiglie, oltre a pugni alla testa, schiaffi, minacce e continue offese.

Le indagini sono partite a novembre quando la polizia di Monterotondo Marittimo è venuta a sapere che un uomo anziano ed invalido, classe 1942, era da tempo vittima di maltrattamenti in casa.

I poliziotti si sono subito messi ad indagare raccogliendo prove documentali e testimonianze di persone a lui vicine, che convalidavano la presenza di segni di violenza sul corpo dell’anziano.

L’uomo, non essendo più in grado di comunicare, non poteva raccontare le angosce che quasi quotidianamente subiva.

Nei confronti della donna è stata emessa un ordinanza per il divieto di avvicinamento all’anziano, che adesso è stato affidato ai servizi sociali del Comune.

Related posts

Leave a Comment