La Cina produce armi biologiche? Guarda le sue capacità e conformità internazionale

armi-biologiche

La nuova epidemia di coronavirus cinese potrebbe benissimo diventare la più grande sfida interna di Xi Jinping.

Armi biologiche. Le ramificazioni economiche e sociali dell’epidemia vanno oltre il controllo e hanno assunto la forma di una minaccia globale.

Il genoma del virus inizialmente fu chiamato “polmonite di Wuhan” in pochi quartieri, dopo la città nella Cina centrale dove furono rilevate le prime infezioni umane.

Dal mantenere un’economia in funzione con 750 milioni di persone in quarantena, a garantire che la loro fiducia nel regime del partito comunista che sembra essere già in frantumi non si trasformi in ribellione, la sfida per Xi è complessa e a bizzeffe.

Questo articolo esamina lo sfondo delle attività cinesi nel campo della ricerca, della capacità e della conformità internazionale delle armi biologiche.

Protocollo di Ginevra sulle armi chimiche e biologiche

Il protocollo di Ginevra prevede il divieto dell’uso in guerra di gas asfissianti, velenosi o di altro tipo e di metodi batteriologici di guerra. Proibisce l’uso di armi chimiche e biologiche nei conflitti armati internazionali.

Fu firmato a Ginevra il 17 giugno 1925 e registrato nella Società delle Nazioni il 7 settembre 1929.

La Repubblica popolare cinese ha aderito al protocollo di Ginevra e ha ribadito il suo impegno nel luglio 1952.

Questo protocollo, tuttavia, non proibiva la produzione o lo stoccaggio di armi chimiche. Tale divieto fu raggiunto solo molti decenni più tardi in virtù della Convenzione sulle armi chimiche (CWC) del 1993, che la Cina firmò quell’anno ma ratificò solo nel 1997.

È stato riportato nell’edizione di settembre 1988 del Jiefangjun Bao (解放军报 People’s Liberation Army Daily) che la Cina ha effettuato in Tibet quelle che chiamava “manovre di difesa chimica nella zona di alta quota per testare attrezzature di nuova concezione”.

Ho scritto nel mio libro intitolato Nuclear China: A Veiled Secret ( KW Publishers, 2014 ) che quasi nessun dettaglio di questi programmi e capacità è apparso nella letteratura open source.

Il segreto e l’ambiguità cinesi su questi argomenti rimangono senza pari.

Se gli scritti cinesi sulle armi chimiche sono scarsi, il caso di qualsiasi informazione sulle armi biologiche è ancora peggio.

Sebbene il governo cinese abbia dichiarato attività legate alle armi chimiche all’Organizzazione per il divieto delle armi chimiche (OPCW) a L’Aia, le informazioni non sono state rese pubbliche e rimangono rigorosamente classificate.

Convenzione sulle armi biologiche

La Convenzione sul divieto di sviluppo, produzione e accumulo di armi batteriologiche (biologiche) e tossiniche e sulla loro distruzione (BWC) fu firmata a Londra, Mosca e Washington il 10 aprile 1972. La Cina ha finalmente aderito alla BWC nel 1984.

Mentre la distruzione delle scorte di armi chimiche è stata ottenuta attraverso la CWC e l’OPCW, i progressi su BWC sono stati piuttosto lenti, principalmente a causa della mancanza di un meccanismo formale di verifica.

Più specificamente, nel caso della Cina, il protocollo di verifica BWC è stato impantanato, in parte a causa delle differenze politiche tra Cina e Stati Uniti sulla questione dei controlli sulle esportazioni.

Il BWC del 1972 vieta “agenti microbici o altri agenti biologici, o tossine qualunque sia la loro origine o metodo di produzione, di tipi e in quantità che non hanno giustificazione per scopi profilattici, protettivi o di altro tipo”.

Allo stesso modo, il BWC vieta “armi, attrezzature o mezzi di consegna progettati per utilizzare tali agenti o tossine per scopi ostili o in conflitto armato”.

I potenziali mezzi dei sistemi di consegna potrebbero essere missili da crociera, caccia, bombardieri, elicotteri, artiglieria, razzi, mortai e spruzzatori.

È estremamente difficile valutare dal materiale open source se la Cina possiede la tecnologia per fornire agenti di armi biologiche. Tuttavia, alcune fonti indicano che i moderni missili da crociera cinesi possono teoricamente fornire agenti chimici e biologici.

La Cina non è membro dell’Australia Group (AG), un regime multilaterale di controllo delle esportazioni sul versante dell’offerta istituito nel 1985 per identificare le esportazioni che devono essere controllate in modo da non contribuire alla diffusione di armi chimiche e biologiche.

Tuttavia, le normative cinesi sul controllo delle esportazioni attualmente allineano le sue leggi alle linee guida e agli elenchi di controllo di AG.

BWC e conformità cinese

La Cina afferma ufficialmente che rimane conforme ai suoi obblighi BWC e che non ha mai avuto un programma attivo di armi biologiche.

Tuttavia, nel corso delle ricerche per il mio libro del 2014, sono stati scoperti i primi sforzi per la difesa delle armi biologiche da parte dell’Esercito popolare di liberazione cinese (PLA).

Queste erano unità anti-peste formate nel 1952 durante il coinvolgimento dell’esercito volontario popolare cinese in Corea.

Secondo fonti statunitensi, l’attività di armi biologiche in Cina è stata estesa. Secondo il Rapporto sulla conformità del Dipartimento di Stato del 1993 , le attività della Cina sono continuate anche dopo l’adesione al BWC.

Inoltre, un rapporto del 2010 indicava che le attività a duplice uso durante quel periodo avrebbero potuto, di fatto, violare il BWC.

Deve essere riconosciuto che l’infrastruttura cinese offre funzionalità avanzate che le consentono di sviluppare, produrre e armare gli agenti.

Sono emerse frequentemente notizie di una struttura cinese di armi biologiche esistente nella provincia dello Xinjiang, non molto distante dal sito di test nucleari di Lop Nor.

In effetti, un focolaio di febbre emorragica alla fine degli anni ’80 in questa struttura avrebbe potuto essere il risultato della ricerca offensiva di armi biologiche in Cina, secondo il libro di Ken Alibek del 1999 intitolato Biohazard: The Chilling True Story of the Largest Covert Biological Weapons Program nel mondo, raccontato dall’interno dall’uomo che lo percorse ( Random House, 1999 ).

In precedenza, nel dicembre 1994, il Ming Pao Daily ha pubblicato un articolo di Wong Mei intitolato “L’unità dell’esercito biologico fa ricerche nella guerra batteriologica, facendo profitti di 1 milione di yuan ogni anno”, che elaborava l’unità di guerra anti-biologica del PLA.

Un tempo, la divisione di sanità pubblica dell’allora Dipartimento Generale del PLA aveva diffuso un avviso, affermando che c’era un focolaio di febbre emorragica endemica in un “certo” luogo i cui principali mezzi di infezione erano ratti e pulci.

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, nel suo rapporto Proliferation: Threat and Response, ha affermato che:

La Cina continua a mantenere alcuni elementi di un programma offensivo di guerra biologica che si ritiene abbia avuto inizio negli anni ’50 …

Si ritiene che la Cina possieda una capacità di guerra biologica offensiva basata sulla tecnologia sviluppata prima della sua adesione al [BWC] nel 1984.

Inoltre, un articolo della primavera 2002 sulla revisione della non proliferazione , intitolato “Il ruolo della Cina nei regimi di disarmo chimico e biologico”, citava una pubblicazione di Renmin Junyi Chubanshe del 1996 di Zhu Kewen, Gao Zixian e Gong Chun di Pechino, intitolata Zhongguo Junshi Yixueshi .

Il documento di Nonproliferation Review affermava che si riteneva che la Cina avesse condotto ricerche su potenziali agenti di armi biologiche, inclusi agenti causali di tularemia, febbre Q, peste, antrace ed encefalite equina orientale.

Si dice che Pechino possieda la tecnologia per produrre in serie la maggior parte degli agenti di armi biologiche tradizionali, inclusi agenti causali di antrace, tularemia e botulismo.

La stessa pubblicazione sosteneva che la dottrina cinese della difesa dalle armi biologiche enfatizzava la liberazione di un’area infetta da insetti e parassiti infetti, supponendo che gli eserciti moderni avrebbero impiegato questi metodi grezzi di consegna.

L ‘”Unità di guerra anti-biologica” dell’APP di stanza nella Cina settentrionale è stata segnalata dal Ming Pao Daily , con il suo nome ufficiale di “Istituto di ricerca medica militare della regione militare di Pechino” ( Junqu Junshi Yixue Yanjiusuo ).

Sono state inoltre messe in campo attrezzature specializzate per contrastare la minaccia di armi biologiche alle truppe del PLA cinese, inclusi campionatori di aerosol e kit di campionamento di agenti di armi biologiche in numero non specificato.

Organizzazioni di ricerca sulla guerra biologica della RPC

La Revisione della non proliferazione della primavera 2002 ha messo in evidenza che, per quanto riguarda la coltivazione di agenti di armi biologiche, a Wuchang c’erano fabbriche di prodotti biologici (uno dei 13 distretti urbani della città di Wuhan, capitale della provincia di Hubei), Prefettura e Kunming.

Gli impianti di produzione di agenti per armi biologiche si trovano anche a Shenyang, Shanghai, Lanzhou e Guangzhou.

Inoltre, ci sono tre principali siti di ricerca e produzione biologica su larga scala, vale a dire:

1) Fabbrica batteriologica di Yan’an a Yan’an e Xishan

Yan’an è una città a livello di prefettura nella regione dello Shanbei al confine con Shanxi ad est e Gansu ad ovest. Xishan è uno dei sette distretti della città a livello di prefettura di Kunming, la capitale della provincia dello Yunnan nel sud-ovest della Cina.

Queste strutture hanno quattro tipi di bombe batteriologiche:

Bombe batteriche di tipo fumo (possono riferirsi ad aerosol)
Tipo di contenitore di carta, contenitori batteriologici
Granata batterica shayan maligna
Bomba di batteri tetano

2) Fabbrica di prodotti biologici di Dalian a Dalian

Dalian è una città portuale sulla penisola di Liaodong, all’estremità meridionale della provincia cinese di Liaoning. I suoi prodotti includono:

  • Vaccino combinato tetano / colera
  • Vaccino contro la difterite
  • Vaccino contro il virus della rabbia
  • Vaccino contro il tetano (tossoide)
  • Vaccino contro il tifo

3) Fabbrica di prodotti biologici di Changchun a Changchun

Changchun è la capitale della provincia di Jilin, nella Cina nordorientale.

Basterebbe concludere che, simile all’ambiguità e alla segretezza che circondano le armi nucleari cinesi e ad altri aspetti della modernizzazione militare, Pechino ha creato con successo un muro che impedisce qualsiasi deflusso di informazioni riguardanti le sue capacità di armi biologiche o chimiche, compreso il potenziale di produzione e mobilitazione.

Ciò che rimane disponibile nel regno declassificato è il dettato del PLA secondo cui l’uso di armi chimiche “sarebbe proprio come liberare gli spiriti maligni dalla scatola di Pandora, scivolando infine verso l’abisso della guerra nucleare”.

Related posts

Leave a Comment