COVID-19 arma biologica? Una guida alle armi biologiche per rispondere a questa domanda

covid-19-arma-biologica

La crisi del Covid-19 in corso ha spinto la comunità internazionale a riflettere sulle minacce biologiche attuali e future.

COVID-19 arma biologica. Successivamente, sono emersi dibattiti e crescenti preoccupazioni sulla possibilità che il SARS-CoV-2 sia stato sviluppato come arma biologica dai cinesi.

Questi dibattiti e discussioni in corso ci fanno tornare alla definizione di arma biologica stessa, per capire di cosa stiamo veramente parlando, e quindi valutare e analizzare meglio i futuri rischi biologici.

Sebbene questo articolo non miri a fornire una presentazione esaustiva sulle armi biologiche.

Proveremo a rinfrescare la nostra memoria presentando alcuni elementi chiave e informazioni sulle armi biologiche.


Concetto introduttivo alle armi biologiche

Secondo la definizione data dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, le armi biologiche, a volte indicate anche come armi germinali, sono “microrganismi come virus, batteri, funghi o altre tossine che vengono prodotti e rilasciati deliberatamente per causare malattie e morte negli esseri umani, animali o impianti”.

Sono una delle quattro armi di distruzione di massa (WMD).

Un attacco biologico può potenzialmente provocare un’epidemia o una pandemia.

Creando quindi una massiccia perturbazione nella società e complicando la risposta delle autorità sanitarie.

Le armi biologiche differiscono dalle altre armi di distruzione di massa in modi diversi.

In primo luogo, gli effetti di un attacco biologico possono richiedere da diversi giorni a diverse settimane prima che si manifestino, il che rende difficile anticipare e rispondere.

In secondo luogo, contrariamente ad altre armi di distruzione di massa, le armi biologiche possono prendere di mira solo gli esseri viventi (umani, colture e bestiame) e non hanno alcun impatto su infrastrutture o attrezzature.

Infine, contrariamente a un programma nucleare, ad esempio, lo sviluppo di un programma di guerra biologica non richiede necessariamente investimenti e capacità tecniche e finanziarie significative.

Le informazioni sulla fabbricazione di armi biologiche sono ampiamente diffuse su Internet.

Vedremo in seguito che questo rappresenta un problema importante quando si tratta di garantire la non proliferazione di tali armi.

Infine, le armi biologiche non devono essere confuse con gli agenti biologici, che rappresentano uno degli elementi che compongono un’arma biologica.

In effetti, non tutti gli agenti biologici sono stati o possono essere trasformati in un’arma.

Il processo di armamento di un agente biologico è specifico e non così comune.

Contrariamente a un programma nucleare, ad esempio, lo sviluppo di un programma di guerra biologica non richiede necessariamente investimenti e capacità tecniche e finanziarie significative.


Di cosa è fatta tecnicamente un’arma biologica?

Un’arma biologica ha 3 componenti: un agente biologico, alcuni additivi per supportare la stabilità e la diffusione dell’agente e un sistema di rilascio.

I Virus biologici sono divisi in due tipi: agenti patogeni e tossine.

Quelli patogeni sono organismi patogeni e hanno una proprietà di autoreplicazione che consente loro di agire a basse concentrazioni e di continuare a diffondersi a lungo dopo l’attacco.

Includono batteri (che possono causare malattie come peste o antrace), Rickettsia, virus e funghi (che possono causare malattie delle colture come l’esplosione di riso o la ruggine dei cereali).

Le tossine, d’altra parte, sono sostanze velenose prodotte da esseri viventi come serpenti, insetti, ragni, piante, ecc.

Sebbene le tossine non siano auto-replicanti, il loro potere tossico è elevato e sono estremamente letali anche in piccole quantità.

Un agente biologico da solo non può essere trasformato come COVID-19 arma biologica in un’arma.

Dopo aver aggiunto alcuni additivi per stabilizzare l’agente, deve essere abbinato a un sistema di erogazione, che conferisce all’agente la sua piena capacità di distruzione.

Gli agenti biologici possono essere disseminati come aerosol, nel cibo o nell’acqua, da un vettore zoonotico (roditore, insetto) o per iniezione.

Questi diversi sistemi di consegna hanno un tasso di efficienza di diffusione specifico.

Ad esempio, gli aerosol hanno la capacità di portata più diffusa e sono quindi il mezzo di rilascio più comunemente usato per l’arma degli agenti biologici.

La dispersione dell’aerosol può essere effettuata utilizzando dispositivi a spruzzo o dispositivi esplosivi.

Sebbene quest’ultima opzione sia nota per avere la capacità di inattivare un agente biologico, a causa del suo potere di generazione di calore.

Pertanto, l’impatto di un attacco biologico dipende da questi tre componenti: il tipo di agente utilizzato nell’arma biologica, la sua preparazione e la sua modalità di consegna.

Una classificazione degli agenti biologici

Quando si tratta di agenti biologici, che sono l’elemento principale di un’arma biologica, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), una delle principali autorità nel campo, ci forniscono una classificazione per aiutare a identificare e affrontare le minacce biologiche.

Il CDC ha stabilito che ci sono 3 categorie di agenti biologici, categoria A, B e C, suddivise in base al loro livello di priorità, dove A è il livello di priorità più alto da considerare dalle autorità sanitarie.

Gli agenti di categoria A possono infatti essere facilmente diffusi o trasmessi.

Di solito tramite agenti nati nell’aria che possono essere diffusi da persona a persona attraverso gli aerosol.

Provocano un’elevata mortalità e possono causare panico pubblico e disagio sociale.

La categoria C è la terza priorità più alta e include i patogeni emergenti che hanno un potenziale di disponibilità, produzione e diffusione.

I laboratori che manipolano questi agenti per scopi di ricerca vengono quindi divisi per diversi livelli di biosicurezza, a seconda della capacità e delle attrezzature che possiedono.

Da Biosafety 1 a 4, ogni livello dispone di controlli e misure specifici per il contenimento di microbi e agenti biologici.

I laboratori di livello 4 di biosicurezza (BSL4) possono, ad esempio, manipolare il virus Ebola.

Questi sono i laboratori con i livelli di sicurezza più elevati e il loro numero è davvero limitato (solo 50 laboratori di livello 4 in 22 paesi, di cui 15 negli Stati Uniti).

Non proliferazione e controllo delle armi biologiche

Convenzioni e trattati internazionali regolano la produzione e l’uso di armi biologiche.

La più famosa è la Convenzione sulle armi biologiche (BWC), firmata nel 1972.

Oggi firmata da 170 paesi e Taiwan, la Convenzione vieta l’uso di armi biologiche in guerra e vieta lo sviluppo, la produzione, l’acquisizione, lo stoccaggio o il trasferimento di tali Armi.

Tuttavia, la proliferazione di armi biologiche è difficile da rilevare e quantificare.

Inoltre, fino ad ora, non esistono procedure di verifica o ispezione per dimostrare che i firmatari rispettano la Convenzione.

Inoltre, 16 Stati membri delle Nazioni Unite non avevano ancora firmato né ratificato il trattato entro il 2013.

Crescenti preoccupazioni per le armi biologiche

Le armi biologiche sono state e rimangono fino ad oggi una minaccia molto plausibile, con numerosi casi di utilizzo nella storia.

Al giorno d’oggi, con la diffusione di organizzazioni terroristiche in alcune regioni del mondo e in paesi instabili che si sospetta abbiano continuato a sviluppare programmi di guerra biologica.

La minaccia rappresentata dalle armi biologiche sta diventando sempre più pressante.

Inoltre, se le armi biologiche sono armi di distruzione di massa, significa che hanno l’obiettivo di provocare il panico pubblico.

Portando a sconvolgimento sociale e infine distruzione di massa, sono anche note per essere efficaci per l’assassinio isolato.

Uno dei casi più recenti che dimostrano questa probabilità sono le lettere dell’Antrace nel 2001 negli Stati Uniti furono inviate a politici e giornalisti statunitensi.

Tuttavia, non bisogna confondere queste minacce realistiche con altre teorie più oscure sul COVID-19 arma biologica.

Grazie alle informazioni sulle armi biologiche che abbiamo presentato in precedenza, ora possiamo trovare alcuni argomenti che vanno contro le preoccupazioni infondate sull’eventualità di armare virus recenti come Ebola o Covid-19.

In primo luogo, Covid-19 come Ebola, non sono virus dispersi nell’aria.

Il che significa che per essere usati come un’arma biologica, si baserebbe sulla trasmissione da persona a persona.

E non su una consegna tramite un aerosol, ad esempio, che è noto per essere il modo più efficiente per diffondere un agente biologico.

Inoltre, COVID-19 arma biologica ed Ebola sono virus molto instabili e sarebbero estremamente difficili e pericolosi da armare

Poiché non sono ancora disponibili vaccini e poiché richiederebbe un laboratorio BSL4 per manipolare questi virus.

E come accennato in precedenza, questi laboratori sono in numero limitato.

Quindi avrebbe potuto essere in grado di manipolare questo virus, e lo ha fatto dopo la scoperta del nuovo coronavirus.

Ma la probabilità che questo virus possa essere stato creato dai biologi è molto bassa.

Poiché SARS-CoV-2 non assomiglia a nessun virus già conosciuto dalla comunità scientifica, che potrebbe essere servito come base per creare questo nuovo virus.

In effetti, fino ad ora, gli scienziati sono stati in grado di creare nuovi virus, basati solo su virus già esistenti, e modificando una sequenza molto piccola del genoma di quel virus.

Per COVID-19 arma biologica, l’origine del virus è ancora sconosciuta.

Uno studio pubblicato nel febbraio 2020 dal Wuhan Institute of Virology identifica il pipistrello coronavirus RaTG13 come il genitore più vicino di SARS-CoV-2.

Condividendo il 96,2% della loro identità di sequenza genomica complessiva.

Un secondo studio dell’Università di Hong Kong e del Guangdong-Hongkong Joint Laboratory of Emerging Infectious Diseases mostra che un gruppo di beta-coronavirus trovati nelle specie di pangolino sono ancora più vicini, con il 97,4% di somiglianze con l’aminoacido SARS-CoV-2 sequenza.

I loro apparenti stretti legami genitoriali, nella genetica queste differenze sono troppo grandi per presumere che il Covid-19 possa essere stato elaborato in laboratorio, da mano umana.

Se rimangono ancora domande sull’emergenza del virus, nessuna prova valida può supportare la teoria secondo cui il virus è stato armato e rilasciato intenzionalmente dai cinesi.

Tuttavia, questa crisi ci fa riflettere sulle minacce biologiche in generale e sulle loro conseguenze.

I rischi biologici sono una minaccia non solo per la nostra salute ma anche per le nostre economie e per i nostri modelli sociali e politici, e dovranno essere presi più seriamente e affrontati meglio. nel futuro.

Related posts

Leave a Comment