Software Spy Phone. La polizia israeliana è accusata di aver utilizzato Pegasus sugli oppositori di Netanyahu

Il software spy phone usato dai servizi segreti israeliani

La polizia israeliana ha utilizzato lo spy phone Pegasus del gruppo NSO per accedere, controllare ed estrarre in remoto informazioni dai cellulari appartenenti a cittadini israeliani.

Software Spy Phone usato anche contro i leader di un movimento di protesta contro l’ex primo ministro Benjamin Netanyahu, secondo un’indagine pubblicata martedì dall’agenzia israeliana Calcalist .

Il software spy phone di livello militare sviluppato dalla società privata israeliana NSO è stato utilizzato anche per prendere di mira un certo numero di persone che non erano sospettate di essere coinvolte in un crimine.

Inclusi sindaci, ex dipendenti del governo e almeno una persona vicina a un politico di alto livello, secondo il rapporto.

“Come politica generale, non commentiamo i clienti attuali o potenziali”, ha affermato il gruppo NSO in una dichiarazione pubblicata dai media israeliani.

“Ci teniamo a precisare che l’azienda non gestisce gli impianti in possesso dei propri clienti e non è coinvolta nel loro funzionamento.

L’azienda vende i suoi prodotti su licenza e supervisione per l’uso degli organismi di sicurezza e delle forze dell’ordine statali, per prevenire legalmente la criminalità e il terrorismo e secondo gli ordini dei tribunali e le leggi locali in ogni paese”.

Il gruppo NSO si impegna a indagare sul potenziale abuso del software spy phone a seguito dell’indagine sul progetto Pegasus

La polizia israeliana ha negato le accuse, affermando che “tutte le attività di polizia in questo campo sono svolte in conformità con la legge, sulla base di ordini del tribunale e procedure di lavoro rigorose”.

Il procuratore di stato Matanyahu Engelman ha avviato un’indagine sulla questione nell’ambito di un’indagine più ampia sull’uso etico della tecnologia nelle forze dell’ordine.

“La tecnologia fornisce prove nei procedimenti penali e solleva interrogativi sull’equilibrio tra la loro utilità e la violazione del diritto alla privacy e di altre libertà.

Queste misure aumentano anche il rischio che le informazioni personali vengano divulgate o utilizzate in modo improprio nei database”, ha affermato.

Diverse organizzazioni per i diritti umani hanno inviato una lettera al procuratore generale Avichai Mandelblit chiedendo che l’uso del software fosse interrotto immediatamente, affermando che era impossibile regolamentare e che i danni causati superavano i benefici.

La lettera invitava anche Mandelblit a riaprire casi legali che includevano prove ottenute tramite Pegasus.

Il ministro della Pubblica Sicurezza Omer Bar-Lev ha detto che stava esaminando la questione ma che un controllo iniziale non ha rilevato “nessuna pratica di intercettazioni segrete o intrusioni in dispositivi da parte della polizia israeliana senza l’approvazione di un giudice”.

“Allo stesso tempo, intendo assicurarmi che non vengano tagliati gli angoli in materia di NSO e che tutto venga controllato in modo completo e inequivocabile da un giudice”, ha aggiunto.

L’indagine Calcalist ha affermato che la polizia ha iniziato a utilizzare il software nel 2020 per sorvegliare a distanza i telefoni di importanti degli attivisti della protesta “Bandiera Nera”.

Che chiedeva la cacciata di Netanyahu, allora primo ministro, in mezzo a un’ondata di casi di coronavirus , una crisi economica crisi e un processo per corruzione in corso.

Netanyahu, il primo ministro israeliano più longevo, ha lasciato l’incarico nel giugno 2021 ma rimane coinvolto in un processo per corruzione.

Il rapporto afferma che lo spyware NSO è stato utilizzato per raccogliere dati sui cittadini da utilizzare come leva se fossero diventati oggetto di un interrogatorio in un secondo momento.

A luglio, un’indagine del Washington Post e di un consorzio di 16 media partner ha rivelato che Pegasus è stato autorizzato dalla NSO ai governi di tutto il mondo allo scopo di rintracciare terroristi e criminali.

Ma ha scoperto che il programma è stato utilizzato per hackerare 37 smartphone appartenenti a giornalisti, attivisti per i diritti umani, dirigenti d’azienda e due donne vicine al giornalista saudita ucciso Jamal Khashoggi.

I telefoni degli obiettivi erano tra gli oltre 50.000 numeri compilati da paesi noti per impegnarsi nella sorveglianza dei propri cittadini e per essere stati clienti della NSO.

In un’intervista con The Post a luglio, il fondatore della NSO Shalev Hulio ha affermato che alcuni dei clienti del governo della NSO avevano abusato del suo software in passato, descrivendo tale uso improprio come una “violazione della fiducia”.

Ha affermato che la NSO ha chiuso l’accesso di cinque clienti negli ultimi anni dopo aver condotto un audit sui diritti umani e ha concluso i legami con due solo nell’ultimo anno.

“C’è una cosa che voglio dire: abbiamo costruito questa azienda per salvare vite umane. Punto”, ha detto.

Secondo chi ha familiarità con la clientela dell’azienda, NSO aveva accordi con i paesi con cui Netanyahu aveva cercato di stringere alleanze,.

Tra cui gli Emirati Arabi Uniti , che hanno firmato un accordo di normalizzazione nel settembre 2020, e l’Arabia Saudita, che Netanyahu per anni ha tentato di corteggiare.

In Israele, la polizia ha acquisito Pegasus dalla NSO nel 2013 e ha iniziato a gestirlo nel 2015, sotto il mandato di Netanyahu come primo ministro. È costato alla polizia decine di milioni di shekel nel corso degli anni, secondo il rapporto Calcalist.

Con l’intensificarsi del movimento di protesta contro Netanyahu, a maggio un gruppo eterogeneo di partiti di opposizione ha raggiunto un accordo per formare un governo di unità e rimuoverlo dall’incarico.

“In un senso più ampio, questo non fa che sottolineare quanto fosse importante che centinaia di migliaia di cittadini israeliani andassero a difendere la democrazia israeliana”, ha detto Shikma Schwartzman, uno dei leader del movimento di protesta, al notiziario israeliano Ynet.

“Questo è un altro esempio del precedente regime, guidato da un imputato criminale, e dove è arrivata la democrazia israeliana”.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 2 Media: 5]

Related posts

Leave a Comment