L’International Spy Museum riapre a Washington dopo un restyling di 162 milioni di dollari

Spy Museum International sarà riaperto a maggio in una nuova location presso L’Enfant Plaza a Washington DC .

spy
Microspia nascosta in una scarpa

Dopo un restyling di 162 milioni di dollari, il nuovo museo ha il doppio delle dimensioni del suo ex edificio con nuove mostre rivoluzionarie e un patrimonio di artefatti mai visti prima.

L’International Spy Museum sostiene di avere la più grande collezione al mondo di articoli legati allo spionaggio internazionale.

Gli esempi includono una lettera del 1777 di George Washington che autorizza una rete di spionaggio di New York, una pistola a rossetto e una telecamera spia degli anni ’80 nascosta in un bottone del cappotto e usata nell’Unione Sovietica e negli Stati Uniti.

Il museo si è spostato da F Street a L’Enfant Plaza e il nuovo edificio all’avanguardia offrirà uno sguardo dietro le quinte su come l’intelligenza modella le nostre vite con mostre interattive, installazioni, gallerie personalizzate e un gli oggetti che il museo dice è la “prima collezione di artefatti da spionaggio nel mondo”, così come i racconti in prima persona dei migliori agenti e esperti del settore.

Il museo permetterà inoltre ai visitatori di testare le proprie abilità spionistiche con sfide interattive.

Una nuova mostra al museo svela il lavoro degli analisti dell’intelligence nella cattura di Osama bin Laden, mentre la mostra Weapons of Disruption di massa illustra il ruolo svolto dai computer nello spionaggio e negli attacchi terroristici.

Berlin City of Spies esplorerà Berlino dell’era della Guerra Fredda, con frammenti originali del Muro di Berlino, un pezzo del Tunnel di Berlino, un posto di controllo di confine e un ufficio Stasi con tutti i manufatti originali.

Spies Among Us offre mostre, film e video che esaminano lo spionaggio attraverso la Seconda Guerra Mondiale , mettendo in mostra storie di spionaggio della vita reale e i visitatori potranno ottenere informazioni approfondite su operazioni di codifica e di codice.

La mostra mette in luce anche i ruoli clandestini delle spie delle celebrità, tra cui la cantante Josephine Baker, lo chef Julia Child, il regista John Ford e l’attrice Marlene Dietrich.

“Spy craft si è evoluto in modo drammatico da quando abbiamo fondato l’International Spy Museum nel 2002”, ha dichiarato il fondatore del Museo Spy Milton Maltz.

“Non è mai stato più importante per le persone capire e apprezzare – specialmente in una democrazia – i numerosi ruoli che lo spionaggio ha giocato e continua a giocare nel plasmare le nostre vite, il nostro paese e il mondo in cui viviamo”.

La nuova struttura in acciaio e vetro di 140.000 piedi quadrati è stata progettata dagli architetti Rogers, Stirk, Harbor + Partners (gli stessi architetti del Centro Pompidou di Parigi, il Senedd di Cardiff e il Millennium Dome di Londra) e si trova tra il National Mall e il nuovo quartiere di Wharf alla moda di DC . Il tetto offre una vista a 360 gradi di Washington DC, dal Campidoglio degli Stati Uniti al Monumento a Washington .

Related posts

Leave a Comment